In Libiasono 34 i centri di detenzione gestiti dal governo di Fayez al-Sarraj e dai 14 sindaci locali con cui l’Italia ha stretto un accordo, ma a questi si devono aggiungere i campi gestiti privatamente da milizie armate, che sarebbero molti di più – almeno 13 solo a Tripoli, secondo il report stilato da Francesca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La “fase umanitaria” deve ancora cominciare

prev
Articolo Successivo

Bonino contro Minniti: “È solo un tappo. Flussi di migranti verso Spagna e Sardegna”

next