Chi spingeper l’abolizione dell’adeguamento automatico dell’età pensionabile alla speranza di vita deve essere consapevole che poi avrà pensioni più povere. L’avvertimento viene dalla Ragioneria dello Stato, per la quale se non si subordina l’uscita dall’attività lavorativa all’aspettativa di vita non solo si assisterebbe a un “significativo peggioramento del rapporto fra spesa pensionistica e Pil” ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)