La mole di carte depositate dalla Procura di Vicenza alla chiusura dell’indagine sui vertici della Banca Popolare di Vicenza, con l’ex presidente Gianni Zonin e l’ex amministratore delegato Samuele Sorato in testa, è di un milione e 165 mila pagine. Sono gli atti che dovrebbero dimostrare, in sostanza, la falsificazione dei dati patrimoniali della banca. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi