Michele Prestipino

“Capitale corrotta e infetta da molte e diverse cosche”

Il procuratore: “Si tratta di un problema culturale nel riconoscere i gruppi nati in città”

Di Val. Pac.
30 Luglio 2017

“Sul territorio romano operano diverse organizzazioni, alcune con matrice mafiosa, altre no. Molte delle quali sono estremamente pericolose”. Non ha dubbi il procuratore aggiunto Michele Prestipino sulla presenza nella capitale di gruppi che utilizzano modalità tipiche della mafia. Dal 2013 a Roma, Prestipino segue le principali indagini sulla malavita organizzata, utilizzando gli stessi metodi investigativi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.