Scuote la testa e dice: “Ma come fanno a cacciare un dirigente che ha già dato le dimissioni da sette giorni?”. Bruno Rota, direttore generale di Atac, ha tentato fino all’ultimo di non trasformare in un caso politico il suo distacco dall’azienda dei trasporti di Roma. Ha sempre sottolineato il pieno accordo con il sindaco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Atac Roma, un secolo di debiti, indagini e autobus che ritardano

prev
Articolo Successivo

Retromarcia Regione&Acea: Roma, no ai turni per l’acqua

next