Navi italiane pattuglieranno le acque libiche per contrastare il traffico di esseri umani: è il risultato dell’incontro, ieri mattina, a Palazzo Chigi, tra il premier libico Fayez al-Serraj, che ne ha fatto formale richiesta, e il premier italiano Paolo Gentiloni, che l’ha praticamente accolta, qualificando come “necessario” l’impegno italiano in acque libiche. L’incontro aveva tutta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Rai, Orfeo in Vigilanza con Fazio&C. già in onda?

prev
Articolo Successivo

Dublino, la Corte Ue conferma le regole contestate dall’Italia

next