Camille Claudel (1864-1943) è stata la più grande scultrice vissuta tra ‘800 e ‘900, eppure fino a pochi mesi fa non esisteva ancora un museo a lei dedicato. Ora la più importante collezione al mondo delle sue opere nonché di artisti a lei contemporanei (Paul Dubois, Alfred Boucher e Auguste Rodin, tra gli altri), in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Madame Claudel, un genio femminile senza misura”

prev
Articolo Successivo

I “guerrieri” di TripAdvisor, è come tra marito e moglie: ristoratori date i voti ai clienti

next