Luigi Zanda, capogruppo del Pd con quattro legislature e sedici anni di esperienza parlamentare alle spalle, sfodera tutto il suo mestiere. Prende il microfono di fronte all’aula ancora semivuota e spiega la posizione del suo partito sulla questione Consip senza pronunciare mai la parola “Lotti”. Ma proprio mai. “È in corso – spiega Zanda – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Csm con l’amico della Boschi processa Woodcock

prev
Articolo Successivo

Marra & Romeo, tutti i guai di Raggi a rischio processo

next