Il Cnel è morto, viva il Cnel. Sembrava fosse stato definitivamente travolto dagli scandali già nel 2013, quando era affiorata una distribuzione a dir poco allegra di consulenze, rimborsi spese e diarie che aveva portato a un azzeramento di incarichi e prebende. Ma passata la paura del referendum del 4 dicembre, con cui Matteo Renzi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vaccini, resistono anche Liguria e Lombardia

prev
Articolo Successivo

Massoneria, prove di trasparenza: una legge per vietarla ai parlamentari

next