La rivelazione è pesante: Gianfranco Miglio, senatore della Lega, “è sceso in Sicilia perché aveva un bel progetto” e “s’incontrò pure con Nitto”, cioè con Santapaola, il capo di Cosa nostra a Catania. È Giuseppe Graviano a dirlo – intercettato – al suo compagno di socialità in carcere Umberto Adinolfi. Graviano, boss di Brancaccio e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Riina potrebbe anche ritornare in carcere”

prev
Articolo Successivo

Sgarbi sportivi e Russiagate tanti auguri Mr. Trump

next