È stato rilasciato Otto Warmbier, lo studente universitario americano che si trovava in carcere da 17 mesi nella Corea del Nord. Ma Otto è in coma; secondo quanto riportato dalla famiglia del ragazzo al Washington Post, si troverebbe in stato di coma da circa un anno, a causa di un’intossicazione da botulino provocata da un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sgarbi sportivi e Russiagate tanti auguri Mr. Trump

prev
Articolo Successivo

Baffone “Dédé”, l’ultimo comunista di Francia

next