Via via che si consolidano i dati su flussi e preferenze degli elettori alle consultazioni di domenica scorsa, le liste presentate dai Cinque Stelle si confermano desolatamente poco competitive. Tra lotte fratricide, veleni e sospetti, le fibrillazioni interne al Movimento 5 Stelle per contendersi le candidature hanno procurato il caos proprio nei maggiori capoluoghi considerati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

È la Lega che vince, ma le serve a poco

prev
Articolo Successivo

Elezioni comunali, Di Maio: “M5s ha perso, ma siamo l’argine all’ammucchiata. Il mio errore? Parlare troppo di legge elettorale”

next