Una cabina di regia per affiancare il candidato premier. E per affrontare i problemi politici del Movimento anche sui territori. Il giorno dopo la disfatta, ai piani alti del M5S ragionano del futuro e ostentano tranquillità. “Sapevamo che non sarebbe andata bene”, ripetono. E in effetti, la campagna elettorale è stata senza proclami. I big […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Elezioni comunali, Di Maio: “M5s ha perso, ma siamo l’argine all’ammucchiata. Il mio errore? Parlare troppo di legge elettorale”

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next