Nell’autunno-inverno del ’91 i boss della commissione regionale si riuniscono in un casolare nelle campagne di Enna per decidere la strategia stragista. I boss decidono di rivendicare gli attentati con la sigla Falange Armata. Il 30 gennaio ’92 arriva la sentenza della Cassazione sul maxi-processo. Riina è furioso: “Facciamo la guerra per fare la pace”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)