Fin da bambino, guardando un film, ero attratto non dall’eroe, ma da quello che in inglese si chiama villain, il cattivo. Poteva essere lo scienziato pazzo, o il mostro, o Jago. Solo da adulto mi sono reso conto che non ero tanto affascinato da questi personaggi, ma dalle emozioni, dai pensieri che li scuotevano. L’ambizione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ruoli precisi per Comune e privati. Le nuove regole per gli eventi estivi

prev
Articolo Successivo

Le immortali serie tv dei 90 (tornati di moda) dalla A alla Z

next