Carteggi - Con gli occhi di Hannah Arendt

Il giorno in cui Benjamin partì con due camicie

Di Angelo Molica Franco
7 Giugno 2017

“La fama postuma sembra dunque essere il destino degli inclassificabili, cioè di coloro la cui opera non rientra nell’ordine esistente”. Così Hannah Arendt introduce la figura di Benjamin nel saggio a lui dedicato (Walter Benjamin, 1968) da ammiratrice del pensatore e “intima” amica dell’uomo. I due si conoscono a Parigi nel ’35: giocano a scacchi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui