L’avvocato Alfredo Galasso negli anni Ottanta rappresentò la famiglia Dalla Chiesa al maxiprocesso di Palermo contro Totò Riina e i boss di Cosa nostra. Poi, dopo l’arresto del Capo dei capi, fu parte civile contro di lui nel primo dibattimento in cui era presente in aula, il “processo sui delitti politici”: Galasso rappresentava il collaboratore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Riina, la Cassazione apre: fatelo morire con dignità

prev
Articolo Successivo

Riina? Io non perdono. Lo Stato deve essere serio

next