Enrico Letta cita tempi che conosce bene, quelli della sua gioventù all’interno della Democrazia cristiana. Perché è proprio questo che l’ex premier ricorda definendo la legge elettorale proposta dal Pd: “Un passo indietro, peggio della Prima Repubblica, quando almeno si potevano scegliere i candidati”. Secondo Letta “siamo al termine di una legislatura che non solo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)