Che pasticciaccio brutto per Dario Franceschini. L’attuale ministro dei Beni culturali era sottosegretario a Palazzo Chigi nel 2001 e, quindi, è anche suo il “merito” della legge applicata dal Tar del Lazio per la sentenza sulle nomine dei direttori dei Poli museali voluti dallo stesso Franceschini sedici anni dopo. Per rimediare al gran pasticcio si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Le tournée di Trump e il nemico interno

prev
Articolo Successivo

Autostrade di Toto: ci pensa lo Stato

next