In visita

I Ceri, le tavole, i palazzi patrizi: il sogno di Gubbio (nonostante Trenitalia)

Sei ore di treno, lento e scomodo, per un viaggio nella cittadina umbra che conserva la cortesia marchigiana

Di Paolo Isotta
28 Maggio 2017

Fuor dei percorsi delle “freccie”, che hanno cambiato in meglio la vita di molti, l’Italia è collegata da un vecchio sistema ferroviario, lento e non più manutenuto. Un paese civile si misura dalla qualità dei suoi treni, e che per giungere da Roma in Abruzzo, Umbria e nelle Marche, o da Roma e Napoli in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.