Migranti a digiuno. Mentre la ‘ndrangheta si spartiva i soldi per l’accoglienza. Stando alle carte del fermo dell’operazione “Jonny”, Leonardo Sacco potrebbe essere ribattezzato “il nuovo Buzzi”. Dalla cena con l’ex ministro dell’Interno Angelino Alfano, con tanto di foto ricordo, agli appalti per la gestione del Cara di Isola Capo Rizzuto, in provincia di Crotone. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Primavera calda all’Unità Sciopero a oltranza e denunce per gli editori

prev
Articolo Successivo

“Gli immigrati si conformino ai valori italiani”

next