Leggo, nella risposta data a un lettore da Lilli Gruber, nella sua buona rubrica Sette e mezzo (su Sette-Corriere della Sera) del 4 maggio 2017, un discorso che mi colpisce: “Senza l’inglese oggi non si va da nessuna parte, che ci piaccia o no. Quando se ne accorgerà lo Stato? I nostri ragazzi sono già […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Test Invalsi, vietato protestare: ritirato lo sciopero dei prof

prev
Articolo Successivo

Consob, Vegas si auto-assolve per 7 anni di sviste e realpolitik

next