Mentre tutta Italia suona, la tradizionale contromanifestazione di Taranto quest’anno non si farà: “Il Primo Maggio è una festa apolitica – ci spiega Michele Riordino del comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti che di solito organizza la kermesse pugliese – e tale deve rimanere, specie durante queste Amministrative ‘selvagge e violente’. Non abbiamo voluto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Crisi, cassa e licenziamenti: la festa al lavoro che non c’è

prev
Articolo Successivo

Prima gli indiani, ora in mani francesi: la guerra delle divise Klopman in Ciociaria

next