Era stato approvato in Consiglio dei ministri il lontano 20 febbraio 2015 come parte degli obblighi legislativi imposti dalle regole dell’Unione europea all’Italia: ogni anno, dal 2009, bisogna fare una legge sulla concorrenza per aprire i mercati che non lo siano abbastanza, magari prendendo spunto dall’altrettanto annuale relazione dell’Antitrust al Parlamento. Ecco, dopo 803 giorni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Leggi dimenticate, dal conflitto di interessi alla tortura dopo gli annunci il niente

prev
Articolo Successivo

Dieselgate, come le istituzioni hanno nascosto il caso italiano. Ma giudice dispone imputazione coatta

next