Per la prima volta i francesi sono andati alle urne con lo stato d’emergenza e la minaccia di attacchi da parte di terroristi. É stata una giornata nervosa, di tensione. Uno stato d’animo comprensibile. Era ancora forte l’emozione dell’attentato di giovedì sera sugli Champs-Elysées in cui un giovane poliziotto è stato ucciso, e altri due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il derby “populista”: Mme anti-Europa e il nuovo volto chic

prev
Articolo Successivo

Migranti, Di Maio: “Non cerco voti, ma chiarezza su chi ci mangia”

next