L’intervista, per Io Donna, cominciava così: “Quando Gianni Boncompagni ha compiuto 60 anni, io l’ho intervistato. Quando ha compiuto 70 anni, io l’ho intervistato. Adesso compie 80 anni ed io lo intervisto. Sono il metronomo dei suoi decenni. Il testimone del suo tempo che passa”. E adesso, tristemente, ho perso il mio ruolo di metronomo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

M5S e vaccini: quanto se ne può discutere

prev
Articolo Successivo

E adesso fuoco su YouTube e acqua su tutto il resto?

next