Lo scenario iniziale è una provocazione. Il mondo è invaso dagli insetti come una piaga biblica ma stavolta, essi non giungono dal cielo o dalle viscere della terra, sono piuttosto le nostre nemesi digitali, gli avatar di un videogioco di grande moda che non lascia vie di fuga, Giocare a mangiarsi. La voce narrante scelta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un anno di opere: Raffaello a Vienna, Giacometti a Londra

prev
Articolo Successivo

Gli inchini di madre Chiesa al potere dei mafiosi

next