Milano

Manet, le luci a Parigi e l’inquietudine della modernità

A Palazzo Reale una mostra sulla trasformazione della Ville Lumière attraverso gli sguardi del pittore e degli altri protagonisti della seconda metà dell’800

Di Angelo Molica Franco
22 Marzo 2017

Manet è stato il più scandaloso e visionario pittore del canto della trasformazione. L’unico capace di cogliere, nella sua innamorata osservazione di Parigi, gli albori di ciò che essa si preparava a diventare: è la seconda metà dell’800, e la Ville Lumière si accinge a travalicare i suoi contorni di semplice città per divenire capitale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.