Non ha ancora compiuto un anno di vita, ma già l’Agenzia regionale anticorruzione della Lombardia, fortemente voluta dal governatore Roberto Maroni, dopo lo scandalo, tutto leghista, di lady dentiera, è a una drammatica resa di conti interna. Ieri, infatti, si è dimesso il presidente di Arac, il magistrato ed ex procuratore di Bergamo Francesco Dettori. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Trattato male, l’inutile (e triste) festa d’Europa

prev
Articolo Successivo

I nostri dati sanitari all’Ibm: il Garante apre un’inchiesta

next