L’Eurovision song contest rischia di fare ancora una volta da sfondo a nuove pretestuose scaramucce tra Mosca e Kiev. Nonostante tanti politici e tante star più o meno brillanti della musica pop locale premessero per il boicottaggio, la Russia ha deciso di non rinunciare al festival che quest’anno si svolgerà nella Capitale ucraina. L’appuntamento è dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Hawaii via Trump, lo Stato di Obama boccia il muslim ban

prev
Articolo Successivo

Lorenzin: “Il morbillo triplica, in troppi rifiutano il vaccino”

next