Dopo un’ora e dieci di intervento, Matteo Renzi chiama sul palco del Lingotto Maurizio Martina, il ministro dell’Agricoltura, che corre con lui in ticket al congresso. Il tempo di una foto e i due spariscono. Insieme se ne vanno, come insieme erano arrivati, con tanto di selfie. Nel primo dei tre giorni torinesi che lanciano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Nel bunker del Pd anti-giudici come chez Silvio ai bei tempi

prev
Articolo Successivo

Nota per Matteo: il suicidio dell’assessore non c’entra nulla con l’indagine su Romeo

next