Ancora tangenti sui farmaci, venti anni dopo De Lorenzo e Poggiolini, come ricorda uno che in quegli anni li indagò e aprì la cassaforte di Poggiolini, l’oggi procuratore aggiunto Alfonso D’Avino. Ancora a Napoli, dove tra pazienti sdraiati per terra all’ospedale di Nola, medici che giocano a tennis invece di lavorare al Loreto Mare e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

K-Flex: con una mano prende fondi dallo Stato, con l’altra licenzia

prev
Articolo Successivo

No al ricorso dei biscugini: il Museo Sordi è più vicino

next