“Ho inviato solo un sms all’imprenditore Carlo Russo per dirgli di non chiamare più Tiziano Renzi”. È quanto dichiarato da Roberto Bargilli, autista del camper di Matteo Renzi nel 2012, in occasione delle primarie, assessore del Comune di Rignano sull’Arno (Fi) e amico storico di Tiziano Renzi, indagato per influenze illecite. Fin qui si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mister X esce dall’ombra: “Sì, ero io, parlavamo di lavoro”

prev
Articolo Successivo

La “family” nel mirino. A Rignano il Pd si spacca

next