Quando Michele Emiliano sale sul palco e comincia il suo discorso, sono le fatidiche cinque del pomeriggio, a Pier Luigi Bersani e agli altri “scissionisti” del Pd viene un dubbio: ma non è che questo si sta accordando con Renzi? Il presidente pugliese – voce rotta, quasi balbettante, toni insolitamente morbidi – offre al segretario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Renzi se ne frega di Bersani e si prende tutto il partito

prev
Articolo Successivo

James Dean, Gramsci e Joseph Conrad poi le “passioni tristi” del risorto Walter

next