Si chiama Minchia di mare il romanzo d’esordio di Arturo Belluardo e non è il libro di un cabarettista youtuber o di un comico dalla faccia lessa, impietosamente interrogato da Ciprì e Maresco, ma una prima prova invidiabile per struttura e lingua. Davide Buscemi è il protagonista di 21 episodi agrodolci, il cui principio narrativo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il passato non è una terra straniera. Neanche per gli studenti del liceo

prev
Articolo Successivo

Il cardinal Martini secondo Olmi. Il Cristo con la spada torna in Duomo

next