Il rischio dell’agiografia era sensibile: come raccontare il cardinale Carlo Maria Martini, l’ex arcivescovo di Milano scomparso il 31 agosto 2012, senza farne un santino? Semplice, mettendo un peso massimo della cultura, e della spiritualità, sull’altro lato della macchina da presa: Ermanno Olmi. L’ottantacinquenne regista ha scritto, a quattro mani con il giornalista Marco Garzonio, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Per crescere non si può essere una “minchia di mare”

prev
Articolo Successivo

Quanto funziona il Dopofestival con tutti in libera uscita

next