La condanna è di due anni e otto mesi di carcere per Giorgio Saurgnani, il promotore finanziario bergamasco, tifoso della Juventus, processato a Torino per il lancio della bomba carta allo Stadio Olimpico durante il derby della Mole del 26 aprile 2015, gesto che provocò undici feriti. A Saurgnani, che non fa parte di gruppi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Agnelli chiarisca”. L’Antimafia vuole sentire la Juventus

prev
Articolo Successivo

Pescara Calcio, fuoco contro il presidente

next