Difficile immaginare una svista peggiore. Con l’intento di sveltire, sburocratizzare e semplificare le pratiche di ricostruzione dopo i terremoti che hanno colpito Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo, la macchina legislativa del governo rischia di dare vita a una beffa: riparare con soldi pubblici immobili abusivi aprendo così le porte a una nuova sanatoria. Andiamo con ordine. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La testatina 0802

prev
Articolo Successivo

“Doppione” per tenersi l’amico di Matteo

next