Quando il male si annida fra le mura di casa, è davvero possibile sfuggirgli e mettersi in salvo? E una moglie può essere così innamorata e sottomessa da stravolgere la realtà dei fatti? Queste domande scorrono lungo le pagine de La figlia femmina (Fazi Editore) – il libro d’esordio dell’autrice catanese classe ’89, Anna Giurickovic […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Cannes, meglio un Almodóvar presidente che perdente

prev
Articolo Successivo

Detective privato, la svolta di Bosch finito in pensione

next