L’agenzia di rating canadese Dbrs ha tagliato il rating all’Italia da “A-low” a “BBB high” con prospettive stabili. Una decisione che priva Roma dell’ultimo giudizio “A”. La decisione ha un impatto sulle garanzie che le banche italiane devono fornire alla Banca centrale europea: questa bocciatura aumenterà la trattenuta (tecnicamente haircut) che la Bce chiederà sui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi