Il tweet lanciato da Wikileaks a proposito del suo fondatore, Julian Assange, potrebbe essere interpretato come un dono offerto da uno degli uomini più ricercati dagli Stati Uniti al presidente Obama a pochi giorni dalla conclusione dei suoi otto anni alla Casa Bianca. Ma a una seconda lettura, appare subito chiaro che lo scambio proposto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Obama, l’ultima Salsa: basta privilegi ai balseros

prev
Articolo Successivo

Trudeau, vacanza ai Caraibi: tanto paga l’Aga Khan

next