Questa volta ha vinto la linea di Giuliano Amato e ha perso la linea di Silvana Sciarra, ma per un soffio. La Corte costituzionale, a maggioranza risicatissima, pare 7 a 6, e dopo una “discussione molto sofferta” ha dichiarato inammissibile il quesito referendario della Cgil sull’articolo 18. “È manipolativo”, non “abrogativo”. Chi, sul fronte politico, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Licenziamenti all’Unità”, giornalisti in sciopero

prev
Articolo Successivo

La Corte allontana il voto: ora basta cambiare i voucher

next