Silence di Martin Scorsese è un film cerebrale. Sa Dio quanto non avrebbe dovuto, e forse voluto, esserlo. Non è difficile capire il perché: il regista italoamericano l’ha rimuginato e rimasticato per 25 lunghissimi anni, e quando finalmente è arrivata la luce verde non tutto s’è trasformato in immagini e suoni. Adattamento del romanzo (1966) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un cerotto val bene un “mistero”. La passione (italiana) per Kate

prev
Articolo Successivo

Il piacere di Pirandello e una pièce all’altezza della sua “onestà”

next