Non solo nel teatro musicale, anche in quello di prosa non si riesce più ad assistere a un allestimento fedele al testo. Non Shakespeare, non Molière, non Pirandello, non Cechov. Quasi sempre mettono in scena non un dramma “di” Shakespeare ma un polpettone “da” Shakespeare. E almeno questo genio è protetto dalla lingua, onde in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’ultima tentazione di Martin arriva fuori tempo massimo

prev
Articolo Successivo

Dalla danza alla Luna: Ryan Gosling sarà. Neil Armstrong

next