“La luce va e viene. L’acqua c’è solo fredda. Un secchio di quella calda, riscaldata con il fuoco, costa 50 centesimi. I bisogni li facciamo laggiù, in campagna, all’aperto”. Maryesi è una ragazza del Ghana e si arrangia come può nell’inferno della tendopoli di Rosarno e San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria. “Volevo solo un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Ecco il piano B di Minniti: accoglienza in Nordafrica

prev
Articolo Successivo

Il pasticciaccio del Reina: colpevole scelto a caso

next