L’anno è nuovo, ancora incartato per così dire, e dunque ci si perdonerà se lo cominciamo con una notizia che arriva dal passato: a un centinaio di km dalle coste italiane, pugliesi per la precisione, è in corso una sorta di continuato assassinio di massa senz’armi per cui, non senza qualche ragione, si potrebbero scomodare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Shaun Tan, quando l’immigrazione poteva essere soltanto una fiaba muta

prev
Articolo Successivo

la vignetta di Franzaroli

next