Ne L’ultimo paradosso Alberto Asor Rosa annota: “L’ipocrisia dei governanti non ha basi oggettive e quando essi difendono le loro buone ragioni, in realtà difendono in primo luogo se stessi, cioè il loro potere”. Sono passati più di trent’anni e il giudizio continua a essere più che condivisibile: “Non avrei mai pensato di avere facoltà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Pochi applausi e tanta noia. La stanca fiducia a Gentiloni

prev
Articolo Successivo

Ala spezzata, senza poltrone: Zanetti voleva l’Agricoltura, Romano la Sanità

next