Nel corridoio dei fumatori, a Montecitorio, il grido disperato di Enrico Zanetti rimbalza da un monitor e l’intera folla tabagista smette di vociare. Silenzio. Parla Zanetti. Un altro segno deprimente, l’improvviso silenzio, di questi tempi decadenti. Una giovane deputata del Pd tortura la sigaretta e spera ancora: “Chissà cosa dirà”. A stroncare l’ottimismo è Giacomo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Vedo una spudorata difesa di fortune personali e politiche”

prev
Articolo Successivo

La ministra non è laureata, ma lo scrive nel curriculum

next