Ora si chiama Gianmarco Negri e fa l’avvocato a Milano. “Non dimenticherò mai – racconta – il giorno in cui mi sono presentato all’appello dell’esame di Diritto civile e il professore si è rifiutato di interrogarmi perché non trovava corrispondenza tra il mio aspetto e il nome sul libretto, Maria. Mi disse di aspettare in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Ospedale Saronno, “Laura, mix di farmaci e corsi speciali per uccidere meglio”

prev
Articolo Successivo

Ilva, ecco l’accordo con le Procure: allo Stato la holding dei Riva

next