Come va il lavoro in Italia? Non basta – come fa il governo o le opposizioni – contare i posti. Ci sono impieghi buoni e impieghi cattivi, accettati forse solo perché alternative non ce n’erano. Di che tipo, allora, sono quelli creati nella fragile ripresa italiana? Praticamente tutti a basso salario. La risposta sconsolante arriva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

A Bruxelles il prosecco batte il “fish and chips”. A Londra i giornali danno del “ridicolo” a Boris

prev
Articolo Successivo

Di madre in figlio

next